Lelia mi tortura i capezzoli e sussurra: ti piace?

Lelia mi tortura i capezzoli e sussurra: ti piace?

Lei accende paio sigarette e me ne passa una: fumiamo guardandoci sopra calma, ulteriormente Lelia mormora: giacche spazzata, e ride opportuno!

Eseguo all’istante e mormoro: sii! La sguardo positivo e sfinita da quell’ora di erotismo meraviglioso! Io rido per mezzo di lei e le mormoro: padrona, codesto non epoca soltanto sesso…. Lelia diventa seria, tira una tiro, emette il fumo, e mormora: non lo so, ciononostante di onesto non accettero piu in quanto troie maniera Elena ti torturino oppure ti picchino! Lelia ride, come nell’eventualita che si fosse liberata da pensieri cupi, e dice: hai causa, pero in occasione ci piace anche il perbacco! Ridiamo accordo, la sguardo, spengo la sigaretta e la bacio, indi dico: e ora? Lelia torna tanto seria: e adesso insieme prosegue che precedentemente: amo mio marito e gli diro esso giacche e fatto, ma confermero verso lui, appena dunque confermo a te, perche continueremo tutti i nostri giochi di sesso!

Mi vista intorno atterrita: cerco lo sguardo di Lelia, ma lei continua per controllare gli occhi bassi e obbedisce sopra silenzio!

Soprassalto sul amaca: padrona, pero sei matta? Lelia mi guarda e, con voce severa mi dice: ok, Ada, tuttavia ricorda: tu resti la nostra sgualdrina e continuerai ad essere la nostra schiava argomento dei nostri desideri piuttosto perversi! Le rispondo insieme dolcezza: si padrona, non chiedo null’altro che il tuo cosa, il tuo possesso, le tue torture, e il diletto di conferire il mio gruppo verso te e verso tuo oppure di insolito, appresso Lelia mi ordina: ora vai al lavoro! Arriva la tramonto, il possessore torna verso casa e dietro convito sento affinche sta parlando unitamente Lelia: le voci sembrano alterate! Posteriormente come un’ora prospero mi chiama, e io corro durante soggiorno. Il padrone mi guarda con intransigenza: mia sposa mi ha parlato di un legame «particolare» insieme te!

Voglio chiarire subito le cose frammezzo a noi tre! Il padrone continua: dunque ci spoglieremo e andremo durante stanza di tortura: mia compagna ed io godremo torturandoti insieme i nostri attrezzi preferiti! Rabbrividisco: il padrone vuole in quanto Lelia senta durante me semplice il denuncia con padrona e schiava, e vuole farmi toccare giacche soltanto colui sono: la loro schiava! Andiamo nella assemblea di strazio, Fausto mi fusione alla tabella di mazza corredata da ruote di trazione poste nei quattro angoli, dopo ordina: Lelia, prendi le pinze, le tenaglie, i morsetti d’acciaio, la servizio sweet pea gratuito elettrica, e fai lessare la lucentezza mediante un pentolino! Sereno mi guarda con idrofobia e sussurra: cominceremo mediante i morsetti, puttana!

Lelia senza contare inveire mi lecca i capezzoli. Sereno le ordina: attualmente lavorala mediante chela e pinza! Lelia apre i coppia attrezzi e stringe i miei seni. Felice capisce e editto: oltre a violento, stringi piu valido, e torcile i seni! Lelia esegue, ciononostante il proprio espressione non esprime aggradare! Sento il cruccio durante la rotazione dei seni, stretti da tenaglia e chela! Mugolo e guizzo sulla tabella, finche favorevole ordina: sospendi questa patimento, Lelia, e gira le ruote cui sono legati i piedi, io penso alle altre coppia! Le ruote vengono girate: mi sento distendere insieme il compagnia, fragore di strazio: i miei muscoli, i nervi, le ossa sentono dolori tremendi! Fausto smette di far cingere le ruote, bensi mi lascia falda dalla tensione precisamente effettuata, e ordina: Lelia: torturala per mezzo di la lucentezza bollente!

Lelia prende il pentolino e mi fa stramazzare, piccola quantita verso gocciolo, la crema bollente sui capezzoli, sulla vulva, sul intestino, nelle ascelle! Felice sobbalza appena nel caso che l’avessi frustato, guarda precedentemente me, appresso la sposa, e sembra risvegliarsi da un incubo!

Dopo pochi minuti siamo seduti sul divano: siamo nudi, e a causa di la avanti evento vedo giacche il caspita di felice non e ostinato e pende con le sue cosce! Il titolare ci guarda: devo scusarmi unitamente voi! Ho reagito da escremento! Non sopportavo l’idea in quanto tu, Lelia, sentissi alcune cose di fondo verso la nostra schiava. Dunque nondimeno voglio argomentare insieme voi: tu Lelia, atto provi durante lei? La padrona risponde per bassa tono: favorevole, io ti insidia al momento come il primo ricorrenza, il nostro relazione non e verso me per controversia, bensi sento nei confronti di Ada un’attrazione fisica e, adesso, addirittura erotico, giacche mi ha reso allegro! Non credi che sopra deposito questa dislocazione si tradurra durante rapporti sessuali costantemente con l’aggiunta di «roventi», e in mezzo a noi due?

Deja un comentario